Risotto alla pescatora

Risotto alla pescatora

Il alla è probabilmente, tra tutti i risotti, uno tra i preferiti della cucina italiana, ma anche uno dei piatti più elaborati. Un buon risotto alla richiede, come tutti i piatti a base di pesce, tempo e fatica nella pulizia del pesce fresco.

Ingredienti

  • 400 gr di
  • 200 gr di
  • 150 gr o totani
  • 150 gr di
  • 400 gr di riso Carnaroli
  • 1,5 di fumetto di pesce
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • prezzemolo, sale e pepe q.b.

Preparazione

  1. Pulire tutto il pesce: le vongole, le cozze, le code dei gamberi e i calamari. Nel frattempo preparare il fumetto con questa ricetta: FUMETTO DI PESCE.
  2. Una volta spurgate le vongole procedere con l’apertura: mettere le vongole pulite in una casseruola capiente e aggiungere mezzo bicchiere di acqua.
    Coprire con un coperchio e lasciare cuocere a fuoco medio soltanto il tempo che i molluschi si saranno aperti, mescolare per favorire l’apertura anche delle valve che sono sul fondo della pentola.
  3. Una volta fredde scolarle e con l’aiuto di un colino filtrare il liquido che si è formato durante la cottura, tralasciando la sabbiolina depositata sul fondo.
  4. In un tegame versare l’olio, soffriggere la cipolla tritata e l’aglio, dopodiché aggiungere i calamari tagliati a pezzetti e continuare la cottura per un paio di minuti.
  5. Unire i gamberi, e farli rosolare.
  6. Versare il riso e farlo tostare mescolando in continuazione, bagnare con il vino e lasciarlo sfumare finché non sentirete più l’odore pungente.
  7. Unire le cozze e le vongole aperte precedentemente. Aggiungere qualche mestolo di fumetto ogniqualvolta il sughetto si restringe troppo, coprire con un coperchio per facilitare l’apertura delle cozze e terminare la cottura.
  8. Aggiungere il prezzemolo tritato, lasciare riposare il riso nel tegame a fuoco spento per un minuto circa senza farlo asciugare troppo. Servire ben caldo.

Risotto alla pescatora ultima modifica: 2013-07-13T15:59:37+00:00 da Carlo
 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*